Compagnia dell'Eclissi
 Compagnia dell'Eclissi

| Compagnia dell'Eclissi | via G. De Caro, 47 - 84126 Salerno | tel 3476178242 - 3382041379

Il teatro dona una vita, non una carriera!

L’omaggio che la Compagnia dell’Eclissi rende al drammaturgo di Fossano per il  centenario della nascita       

“Commedia di costume dalle inflessioni umoristiche ma dal retrogusto acido e corrosivo, La signora e il funzionario fu scritta da Aldo Nicolaj (1920-2004) alla fine degli anni ’70, quando l’opinione pubblica italiana era profondamente scossa da disordini di piazza, lotta armata, strategia della tensione. Se ne percepisce l’eco, sia pure smorzata da una scrittura ironica e briosa, nel serrato e quasi asfissiante dialogo fra un funzionario – espressione tipica e grottesca delle meschinità e delle cattive abitudini radicate nella burocrazia ministeriale – e una di quelle terribili signore borghesi che popolano il teatro del prolifico commediografo piemontese, all’apparenza frivole e svitate, in realtà dotate di una sottile, personalissima razionalità. L’impatto fra i due personaggi produce un effetto bizzarro, che si spinge fin quasi ai confini del teatro dell’assurdo; un gioco un po’ perverso fra un gatto e un topo, in cui il primo, cedendo alla tentazione di un crudele ma divertente passatempo, tormenta e mette più volte alle corde la sua vittima; l’altro, intimidito e irrazionalmente spaventato, prova a minacciare, poi ad assecondare e blandire, il suo casuale aguzzino, nel quale vede materializzarsi tutte le sue paure, le sue debolezze, i suoi rancori, le sue frustrazioni. Sotto pressione e come in un incubo, arriva ad affermare di tutto e il contrario di tutto, mettendo a nudo in modo incongruo e inconsapevole i propri pensieri più reconditi. E «un uomo, di veramente suo, non ha che i pensieri…».

Sfrondato dei riferimenti più strettamente legati alla congiuntura socio-politico d’origine e trasportato in un luogo e in un tempo meno definiti e vagamente più attuali, lo spettacolo punta, sì, sulla critica pungente dei vizi nascosti e delle piccole virtù della middle class, bersaglio privilegiato della satira dell’autore. Con ghigno sardonico e moderata indulgenza, Nicolaj mette sotto osservazione, con lo sguardo lungo del pessimista di fondo, gli immarcescibili costumi nazionali. Ma l’omaggio che la Compagnia dell’Eclissi rende al drammaturgo di Fossano per l’imminente centenario della nascita vuol essere soprattutto la rappresentazione di un gioco teatrale che si avvale di una scrittura fluida e arguta oltre che di una solida costruzione drammaturgica.    (Marcello Andria)

Il trailer

Il trailer

| Compagnia dell'Eclissi | via G. De Caro, 47 - 84126 Salerno |tel 3476178242 - 3382041379

fondata il 3 novembre 2006

registrata il 7 novembre 2006

via Giuseppe De Caro, 47
84126 Salerno

C.F. 95105290654

P.I. 04457680652

CONTATTI TELEFONICI

347 6178242

338 2041379

089 254524

 

Responsabile

Enzo Tota

totaenzo@libero.it

IBAN Compagnia IT50M0837815201000000409084

Teatro Genovesi

Salerno

COMUNICATO

Alla luce delle nuove disposizioni dettate dall'ultimo DPCM e in vigore da oggi, lunedì 26 ottobre 2020, il Teatro Genovesi sospende tutte le attività A TEMPO INDETERMINATO!

Ovviamente siamo dispiaciuti ma non è possibile fare diversamente. Speriamo che questa nuova   interruzione dell'attività possa essere utile al contenimento della pandemia in atto.

Il 7 novembre 2019, il sito ha raggiunto le 100.000 visualizzazioni

Bando e Regolamento 12° Festival Teatro [...]
Documento Adobe Acrobat [201.0 KB]
BANDO II Concorso di drammaturgia XS tes[...]
Documento Adobe Acrobat [309.8 KB]

 APPUNTAMENTI

18 ottobre 2020

Teatro Artemisio Volontè di Velletri

"L'acquario" di Claudio Grattacaso

Giovedì 5 novembre 2020

Fossano (CN)

Buon Compleanno Aldo Nicolaj

ANNULLATO

Sabato 7 novembre 2020

Merate (LC)

RINVIATO

Teatro Genovesi

via Principessa Sichelgaita, 12/A Salerno

   APPUNTAMENTI

Stagione 2020/2021

Domenica 25 ottobre, ore 19.00 

Ingresso solo con prenotazione obbligatoria

al 338 2041379

SOLO 30 POSTI DISPONIBILI

per il rigoroso rispetto delle norme anti Covid

 

Informazioni e prenotazioni al

338 2041379

347 6178242

 LEZIONE MAGISTRALE

Parole e musica, tradizioni e generi, timbri e registri diversi si rincorrono, si sovrappongono, infine si fondono nell’arte raffinata di Peppe Barra in una sintesi di rara incisività. Saldamente ancorato alle radici della memoria e al tempo stesso proiettato nei territori sfuggenti della modernità, l’interprete di una Napoli metatemporale dipana un lungo filo che dalla favola barocca di Gian Battista Basile e dalle filastrocche mnemoniche arriva fino ai suoni e agli umori del contemporaneo; gioca con perizia consumata, mai artificiosa, sul crinale sottile che divide il dramma dall’ironia, lo strazio dallo sberleffo grasso e trasgressivo, facendo leva sulle sue intatte qualità vocali, sulla sua accattivante e originale vis istrionica, con un gusto e una tecnica che di anno in anno si fanno più sofisticati e intriganti. 
Domenica scorsa Peppe Barra ha incantato i presenti con una deliziosa lezione in musica, non dissimile da quelle che impartisce agli studenti universitari da quando la “Federico II” gli ha conferito la laurea honoris causa in letteratura, scrittura e critica teatrale. Lo ha fatto con il consueto slancio, accompagnato da due musicisti di grande talento – Paolo Del Vecchio al mandolino e Luca Urciuoli al piano – per festeggiare Enzo Tota, che per il suo settantesimo compleanno ha voluto riunire gli amici al Teatro Genovesi, nello spazio in cui da oltre un decennio la Compagnia dell’Eclissi, da lui fondata, opera con impegno e passione. Tutti in piedi, dopo un’ora e venti di autentico godimento, ad applaudire il Maestro, poi a brindare. Una serata memorabile, che ha saputo emozionare e divertire nel segno di un artista intramontabile. 

(Marcello Andria)